.

(1) Boschi mesofili di Lestans - S.Fabian ®

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

RITORNA ALLA HOMEPAGE GENERALE DEL SITO
HOMEPAGE DELLA Z.P.S. MAGREDI DI PORDENONE
I LUOGHI INTERESSATI DAL PROGETTO
IL PIANO DI GESTIONE
GLI HABITAT DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FLORA DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FAUNA DEI MAGREDI DI PORDENONE
IL PROCESSO PARTECIPATIVO
english version

.

ritorna alla pagina precedente

.

NATURA 2000

4030
Brughiere xeriche europee

 

HABITAT FVG

GC1
Brughiere collinari delle Alpi sud-orientali e del Carso dominate da Calluna vulgaris

 

SINTASSONOMIA

Chamaecytiso hirsuti-Callunetum Oberd. 1964

DESCRIZIONE

 

Sono brughiere secondarie dell’area sudalpina e carsica che si sviluppano nel piano collinare (200-500 m) (con rare eccezioni in pianura) su suoli acidi o acidificati. Si sono formate in seguito a disboscamento o incendio di boschi acidofili su substrati flyschoidi o calcarei decalcificati.
Domina Calluna vulgaris, ma la cotica è discontinua con numerose chiazze di muschi.

BIOGEOGRAFIA

 

Regione

Eurosiberiana

Subregione

Alpino-Caucasica

Provincia

Appennino-Balcanica

Settore

Padano

Subsettore

Alta pianura

ECOLOGIA

 

Clima regionale

Temperato

Litologia

Marne ed arenariti

Suolo

Terre brune

Bioclima

termotipo supratemperato
ombrotipo iperumido/umido

Tappa matura

Carici umbrosae-Quercetum petraeae Poldini ex Marinček 1994

Vegetazione

Azonale

Vulnerabilità

Poco vulnerabile

Resilienza

Habitat ricostituibile in tempi lunghi (20-75 anni)

SPECIE FLORISTICHE RILEVANTI

Specie

Famiglia

Endemismo

Normativa

I

N

R

Knautia ressmannii

Dipsacaceae

-

-

-

Platanthera bifolia

Orchidaceae

-

-

-

MINACCE PER L'HABITAT

 

• 102

COLTIVAZIONE: MIETITURA/SFALCIO

medio rischio

 

Per la manutenzione di questo habitat è indispensabile tagliare alberi ed arbusti che tendono ad invaderlo

 

• 950

EVOLUZIONE DELLE BIOCENOSI

medio rischio

 

Cenosi che possono facilmente subire incespugliamento in particolar modo da parte di Betula alba e Populus

 

• 952

EVOLUZIONE DELLE BIOCENOSI: EUTROFIZZAZIONE

medio rischio

 

Habitat che si sviluppa su substrati poveri in nutrienti, quindi un aumento dell'eutrofizzazione è causa di degrado

 

• 971

RELAZIONI INTERSPECIFICHE DELLA FLORA: COMPETIZIONE

medio rischio

 

Si tratta di specie poco competitive che lasciano spazio ad alcuni arbusti e alla felce Pteridium aquilinum

 

MISURE DI CONSERVAZIONE

 

Interventi attivi

• IA10

Interventi attivi

Programmi di monitoraggio e/o ricerca

• MR11

Programmi di monitoraggio e/o ricerca

Programmi didattici

• PD6

Programmi didattici

• PD8

Formazione specifica per i monitoraggi degli habitat e delle specie di flora e fauna rivolta a personale della regione e della provincia

Regolamentazioni

• RE2

Regolamentazioni

BIBLIOGRAFIA

Feoli E., Pignatti S., Pignatti E. 1981
Successione indotta dal fuoco nel Genisto-Callunetum del carso triestino.
Stud. Trent. Sci. Nat. Acta Biol. 58: 231-240, Trento.

Poldini L., Oriolo G., Francescato C. 2004
Mountain pine scrubs and heaths with Ericaceae in the south-eastern Alps.
Plant Biosystems 138(1): 53-85, Roma.

space

.

ritorna alla pagina precedente

.