.

(1) Boschi mesofili di Lestans - S.Fabian ®

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

RITORNA ALLA HOMEPAGE GENERALE DEL SITO
HOMEPAGE DELLA Z.P.S. MAGREDI DI PORDENONE
I LUOGHI INTERESSATI DAL PROGETTO
IL PIANO DI GESTIONE
GLI HABITAT DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FLORA DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FAUNA DEI MAGREDI DI PORDENONE
IL PROCESSO PARTECIPATIVO
english version

.

ritorna alla pagina precedente

.

NATURA 2000

92A0
Foreste a galleria di Salix alba e Populus alba

 

HABITAT FVG

BU5
Boschi ripari planiziali dominati da Salix alba e/o Populus nigra

 

SINTASSONOMIA

Salicetum albae Issl. 1926

DESCRIZIONE

 

Si tratta di boschi ripari a distribuzione europea che si sviluppano nel piano basale e collinare (< 500 m) su depositi alluvionali ghiaiosi e sabbiosi. La vegetazione, ancora ripariale, assume una struttura boschiva pluristratificata o multiflora nel sistema fluviale medio ed inferiore in cui la stabilizzazione dei sedimenti ed una certa presenza di suolo favoriscono la presenza di specie arboree (legni teneri) quali Populus nigra e Salix alba. Salix alba è quasi esclusivo della zona più interna, mentre il più termofilo pioppo nero è concentrato nella fascia planiziale.

BIOGEOGRAFIA

 

Regione

Eurosiberiana

Subregione

Alpino-Caucasica

Provincia

Appennino-Balcanica

Settore

Padano

Subsettore

Alta pianura

ECOLOGIA

 

Clima regionale

Temperato

Litologia

Alluvioni calcaree

Suolo

Alluvionale più o meno ricco in depositi organici o minerali

Geomorfologia

inclinazione pianeggiante

Bioclima

termotipo supratemperato
ombrotipo iperumido/umido

Vegetazione

Azonale

Vulnerabilità

Mediamente vulnerabile

Resilienza

Habitat ricostituibile in tempi molto lunghi (75-150 anni)

MINACCE PER L'HABITAT

 

• 165

GESTIONE FORESTALE: PULIZIA SOTTOBOSCO

medio rischio

 

Questa pressione può indurre danni alle specie igrofile del sottobosco.

 

• 166

GESTIONE FORESTALE: RIMOZIONE PIANTE MORTE O MORIENTI

medio rischio

 

Le piante morte rientrano nel ciclo naturale del bosco e il loro asporto può creare anche fenomeni di impatto sulla flora del sottobosco.

 

• 300

ESTRAZIONE DI SABBIA E GHIAIA

medio rischio

 

L'estrazione della ghiaie e la conseguente modifica dell'idrodinamica possono interferire con il normale sviluppo della vegetazione arborea.

 

• 623

ATTIVITÀ SPORTIVE E DIVERTIMENTI ALL'APERTO: VEICOLI MOTORIZZATI

medio rischio

 

La presenza di veicoli motorizzati induce un rimaneggiamento delle ghiaie che danneggia la vegetazione.

 

• 730

MANOVRE MILITARI

medio rischio

 

Le manovre militari con mezzi cingolati inducono un continuo rimaneggiamento del substrato che danneggia la vegetazione.

 

• 803

DISCARICHE, BONIFICHE E PROSCIUGAMENTI IN GENERE: RIEMPIMENTO DI FOSSI, CANALI, STAGNI, SPECCHI D'ACQUA, PALUDI O TORBIERE

basso rischio

 

Il cambiamento del regime idrico può indurre modifiche alla disponiblità, qualità e quantità di acqua e al conseguente impatto sulle specie che dipendono da un delicato equilibrio idrico.

 

• 853

MODIFICHE DEL FUNZIONAMENTO IDROGRAFICO IN GENERALE: GESTIONE DEL LIVELLO IDROMETRICO

medio rischio

 

Il cambiamento del regime idrico può indurre modifiche alla disponibilità, qualità e quantità di acqua e al conseguente impatto sulle specie che dipendono da un delicato equilibrio idrico.

 

• 900

EROSIONE

medio rischio

 

I fenomeni erosivi possono intaccare le alluvioni stabilizzate che ospitano questi boschi.

 

• 910

INTERRAMENTO

medio rischio

 

Fenomeni di interramento possono drasticamente influire su questo habitat, caratterizzato da un preciso equilibrio idrico, e favorire la ruderalizzazione del sottobosco.

 

• 941

CATASTROFI NATURALI: INONDAZIONE

medio rischio

 

Fenomeni di inondazione possono rimaneggiare le alluvioni ed eliminare lembi di cenosi boschive.

 

• 954

EVOLUZIONE DELLE BIOCENOSI: INVASIONE DI UNA SPECIE

alto rischio

 

In questi boschi sono da contenere ed eradicare specie esotiche invasive quali ad es. Amorpha fruticosa.

 

MISURE DI CONSERVAZIONE

 

Interventi attivi

• IA9

Interventi attivi

• IA15

Controllo ed eradicazione delle specie alloctone

Incentivazioni e indennità

• IN3

Incentivazioni e indennità

• IN9

Incentivi per il ripristino e la manutenzione degli ambienti ripariali

• IN10

Indennizzi connessi ai vincoli relativi alle utilizzazioni forestali

Programmi di monitoraggio e/o ricerca

• MR11

Programmi di monitoraggio e/o ricerca

• MR12

Monitoraggio delle specie floristiche e faunistiche alloctone e del fenomeno del randagismo

• MR14

Monitoraggio dei corpi idirici: corsi d'acqua secondari non censiti (rogge di risorgiva) e delle raccolte d'acqua (polle, fossi, stagni).

• MR15

Monitoraggio ed elaborazione di un disciplinare per un corretto uso delle acque

• MR16

Monitoraggio delle proprietà relative a superfici coltivate in area esondabile

Programmi didattici

• PD6

Programmi didattici

• PD8

Formazione specifica per i monitoraggi degli habitat e delle specie di flora e fauna rivolta a personale della regione e della provincia

Regolamentazioni

• RE2

Regolamentazioni

• RE9

Manuntenzione e gestione degli ambienti ripariali

• RE13

Regolamentazione delle utilizzazioni forestali

• RE18

Divieto di immissione di specie animali e vegetali alloctone e regolamenti per il controllo della vegetazione alloctona e ruderale

• RE24

Divieto di costruzione di nuove centrali idroelettriche

• RE27

Regolamentazione e disciplina del prelievo delle ghiaie in alveo

BIBLIOGRAFIA

Poldini L. 1989
La vegetazione del Carso Isontino e Triestino.
Ed. Lint, 315 pp., Trieste.

Pedrotti F., Gafta D. 1996
Ecologia delle foreste ripariali e paludose dell'Italia.
L'uomo e l'ambiente 23, Università degli Studi di Camerino.

Del Favero R., Poldini L., Bortoli P.L., Dreossi G., Lasen C., Vanone G. 1998
La vegetazione forestale e la selvicoltura nella regione Friuli-Venezia Giulia.
Reg. Auton. Friuli-Venezia Giulia, Direz. Reg. delle Foreste, Servizio Selvicoltura, 1: 440 pp., 2: 1-303, I-LIII, 61 grafici, Udine.

space

.

ritorna alla pagina precedente

.