.

(1) Boschi mesofili di Lestans - S.Fabian ®

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

RITORNA ALLA HOMEPAGE GENERALE DEL SITO
HOMEPAGE DELLA Z.P.S. MAGREDI DI PORDENONE
I LUOGHI INTERESSATI DAL PROGETTO
IL PIANO DI GESTIONE
GLI HABITAT DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FLORA DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FAUNA DEI MAGREDI DI PORDENONE
IL PROCESSO PARTECIPATIVO
english version

.

ritorna alla pagina precedente

.

NATURA 2000

62A0
Formazioni erbose secche della regione submediterranea orientale (Scorzoneratalia villosae)

 

HABITAT FVG

PC6
Praterie xerofile semi-evolute sui primi terrazzi alluvionali (magredo) dell'avanterra alpino con Schoenus nigricans

 

SINTASSONOMIA

Schoeno nigricantis-Chrysopogonetum grylli Pignatti ex Feoli Chiapella et Poldini 1993

DESCRIZIONE

 

Si tratta di praterie magre a gravitazione prealpino-illirica (magredi) che si sviluppano nel piano basale e collinare (< 500 m) su alluvioni carbonatiche del tutto stabilizzate (primi terrazzi fluviali). Il suolo è da mediamente a poco evoluto. Talvolta sono presenti molte lenti di argilla che favoriscono l'insediamento di Schoenus nigricans. L'abbondante presenza di Chrysopogon gryllus concorre a determinarne la fisionomia. In queste praterie si mescolano elementi illirici e alpini.

BIOGEOGRAFIA

 

Regione

Eurosiberiana

Subregione

Alpino-Caucasica

Provincia

Appennino-Balcanica

Settore

Padano

Subsettore

Alta pianura

ECOLOGIA

 

Clima regionale

Temperato

Litologia

Depositi alluvionali calcarei

Suolo

Xerorendzine con inizio di ferrettizzazione (decalcificazione)

Geomorfologia

inclinazione pianeggiante

Bioclima

termotipo supratemperato
ombrotipo iperumido/umido

Tappa matura

Non noto vista la distruzione della serie

Vegetazione

Azonale

Vulnerabilità

Molto vulnerabile

Resilienza

Habitat ricostituibile in tempi lunghi (20-75 anni)

SPECIE FLORISTICHE RILEVANTI

Specie

Famiglia

Endemismo

Normativa

I

N

R

Anacamptis pyramidalis

Orchidaceae

-

-

-

Crepis slovenica

Compositae

-

-

-

Cytisus pseudoprocumbens

Leguminosae

-

-

-

Epipactis atrorubens

Orchidaceae

-

-

-

Euphorbia triflora kerneri

Euphorbiaceae

-

-

-

Gymnadenia conopsea

Orchidaceae

-

-

-

Knautia ressmannii

Dipsacaceae

-

-

-

Leucanthemum platylepis

Compositae

-

-

-

Ophrys apifera

Orchidaceae

-

-

-

Orchis morio

Orchidaceae

-

-

-

Orchis tridentata

Orchidaceae

-

-

-

Polygala nicaeensis carniolica

Polygalaceae

-

-

-

Rhinanthus freynii

Scrophulariaceae

-

-

-

MINACCE PER L'HABITAT

 

• 100

COLTIVAZIONE

alto rischio

 

Lo sviluppo dell'agricoltura nelle aree con suoli molto primitivi compromette la sopravvivenza di tale habitat.

 

• 102

COLTIVAZIONE: MIETITURA/SFALCIO

medio rischio

 

L'abbandono dello sfalcio induce veloci fenomeni di infeltrimento, abbassamento della biodiversità e ingresso di arbusti.

 

• 120

FERTILIZZAZIONE

alto rischio

 

Sono habitat molto sensibili all'aumento di nutrienti che fanno scomparire molte specie fra le quali le orchidee con conseguente riduzione della biodiversità.

 

• 141

PASCOLO: ABBANDONO DI SISTEMI PASTORALI

alto rischio

 

L'abbandono del pascolo favorisce fenomeni di infeltrimento della cotica erbacea e l'ingresso di specie legnose.

 

• 150

SISTEMAZIONE FONDIARIA

alto rischio

 

Lo sviluppo dell'agricoltura intensiva nelle aree con suoli molto primitivi compromette tale habitat e ne riduce la biodiversità.

 

• 300

ESTRAZIONE DI SABBIA E GHIAIA

medio rischio

 

L'estrazione della ghiaie e la conseguente modifica dell'idrodinamica possono interferire con il normale sviluppo della vegetazione magredile pioniera.

 

• 501

RETI DI COMUNICAZIONE: SENTIERI, PISTE CICLABILI

medio rischio

 

La presenza di sentieri e piste può sfavorire un normale sviluppo della vegetazione.

 

• 623

ATTIVITÀ SPORTIVE E DIVERTIMENTI ALL'APERTO: VEICOLI MOTORIZZATI

alto rischio

 

La presenza di veicoli motorizzati induce un rimaneggiamento del suolo con possibile danno per la vegetazione.

 

• 730

MANOVRE MILITARI

medio rischio

 

Le manovre militari con mezzi cingolati inducono un continuo rimaneggiamento del substrato che danneggia la vegetazione.

 

• 900

EROSIONE

basso rischio

 

I fenomeni erosivi possono intaccare le alluvioni stabilizzate che ospitano questo habitat.

 

• 950

EVOLUZIONE DELLE BIOCENOSI

medio rischio

 

Queste praterie in assenza di pascolo possono subire infeltrimento della cotica e fenomeni secondari di incespugliamento.

 

• 971

RELAZIONI INTERSPECIFICHE DELLA FLORA: COMPETIZIONE

medio rischio

 

Le specie dei magredi sono poco competitive nei confronti di specie graminoidi clonali di orlo, che preannunciano l'infeltrimento del cotico, e di quelle arbustive la cui ingressione è favorita da una mancata gestione di questo habitat.

 

MISURE DI CONSERVAZIONE

 

Interventi attivi

• IA1

Interventi attivi

• IA2

Stipula di convenzioni con associazioni naturalistiche e culturali per la gestione e valorizzazione delle aree naturali

• IA3

Acquisizione di terreni agricoli e di habitat naturali in ambiente magredile

• IA4

Manutenzione delle praterie magredili mediante decespugliamento o pascolo

• IA6

Ripristino delle praterie magredili recentemente compromesse od alterate

• IA7

Istituzione di un tavolo permanente con le autorità militari competenti

• IA8

Bonifica delle aree contaminate da amianto

Incentivazioni e indennità

• IN2

Incentivazioni e indennità

• IN11

Indennizzi relativi ai vincoli sull'impiego di fertilizzanti nei comuni al di fuori delle aree vulnerabili ai sensi della norma collegata alla direttiva nitrati

Programmi di monitoraggio e/o ricerca

• MR11

Programmi di monitoraggio e/o ricerca

• MR17

Monitoraggio dell'attività di pascolo sperimentale finalizzata al mantenimento degli ambienti magredili

• MR18

Progetto per verificare le condizioni per convertire alcune aree significative in riserve naturali

• MR19

Monitoraggio dei tracciati abusivi

Programmi didattici

• PD1

Programmi didattici

• PD5

Programma didattico di divulgazione e sensibilizzazione rivolti ai militari

• PD6

Programma di informazione e sensibilizzazione della popolazione

• PD8

Formazione specifica per i monitoraggi degli habitat e delle specie di flora e fauna rivolta a personale della regione e della provincia

Regolamentazioni

• RE1

Regolamentazioni

• RE2

Divieto di dissodamento degli habitat di interesse comunitario e di habitat di specie

• RE5

Regolamentazione dell'impiego di fertilizzanti e divieto di spargimento di liquami o altre sostanze organiche

• RE11

Divieto di realizzazione di nuove cave e regolamentazione delle attività di spietramento dei terreni agricoli

• RE12

Regolamentazione della transumanza e disciplina del pascolo

• RE14

Regolamento per i visitatori

• RE16

Regolamentazione riguardante il divieto di passaggio dei veicoli a motore su percorsi fuoristrada

• RE27

Regolamentazione e disciplina del prelievo delle ghiaie in alveo

BIBLIOGRAFIA

Feoli Chiapella L., Poldini L. 1993
Prati e pascoli del Friuli (NE Italia) su substrati basici.
Studia Geobot., 13: 3-140, Trieste.

space

.

ritorna alla pagina precedente

.