.

(1) Matthiola fruticulosa - S.Vaccher ®

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

RITORNA ALLA HOMEPAGE GENERALE DEL SITO
HOMEPAGE DELLA Z.P.S. MAGREDI DI PORDENONE
I LUOGHI INTERESSATI DAL PROGETTO
IL PIANO DI GESTIONE
GLI HABITAT DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FLORA DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FAUNA DEI MAGREDI DI PORDENONE
IL PROCESSO PARTECIPATIVO
english version

.

ritorna alla pagina precedente

.

LE FIORITURE

Nell’ambito della ZPS le più belle ed interessanti fioriture risultano concentrate sia in termini temporali che spaziali. Esse infatti sono particolarmente abbondanti nel periodo che va da aprile-maggio-giugno e solo presso le fasce di vegetazione erbacea a carattere naturale e seminaturale che in maniera così peculiare caratterizzano i greti e le praterie meglio conservati del sito.

 

FLORA DELLE GHIAIE E DEI MAGREDI
Tra le fioriture più interessanti vi sono quelle delle specie legate alle ghiaie e ai magredi veri e propri; queste due tipologie di ambiente rappresentano certamente l’elemento naturale più caratteristico della ZPS costituendo gli ultimi esempi di relitti dell’antico paesaggio vegetale periglaciale, costituitosi alla fine del Quaternario e trasmessoci attraverso i secoli, quasi immutato, grazie al pastoralismo a carattere nomadico e transumante.
In particolare le cosidette “Grave”, come sono chiamati localmente i greti dei torrenti, ospitano specie molto originali per la pianura: oltre a Leontodon berinii (dente di leone di Berini: endemica-transnazionale, presente occasionalmente in poche altre località della vicina Slovenia) e alla subendemica violacciocca alpina (Matthiola fruticulosa subsp. valesiaca), anche numerosi esempi di dealpinismi quali: Linaria alpina (che vegeta normalmente a 200 m di quota), Helianthemum alpestre (eliantemo alpestre), Dryas octopetala, (il noto camedrio alpino tipico dei ghiaioni alpini e prealpini), Rumex scutatus (romice scudato), Dianthus monspessulanus subsp. Waldsteinii (garofano di bosco), Gypsophila repens (gipsofila strisciante) e le rare Chondrilla chondrilloides (lattugaccio dei torrenti)  e Minuartia capillacea (minuartia capillare).
Notevole anche la presenza di specie di salici tipici dei greti e delle aree ripariali fra i quali spiccano soprattutto Salix eleagnos (salice ripaiolo) e S. purpura (salice rosso). Questi costituiscono la componente principale dell’habitat d’interesse comunitario denominato “fiumi alpini con vegetazione riparia legnosa a Salix eleagnos” ( cod. 3240).

space

.