.

(1) Centaurea triumfettii - R.Corrado ®

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

RITORNA ALLA HOMEPAGE GENERALE DEL SITO
HOMEPAGE DELLA Z.P.S. MAGREDI DI PORDENONE
I LUOGHI INTERESSATI DAL PROGETTO
IL PIANO DI GESTIONE
GLI HABITAT DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FLORA DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FAUNA DEI MAGREDI DI PORDENONE
IL PROCESSO PARTECIPATIVO
english version

.

ritorna alla pagina precedente

.

LE RAGIONI DELLA RICCHEZZA

Sono molti i fattori che influiscono su questa concentrazione di entità floristiche. Di seguito vengono riportati quelli più significativi.

 

QUATTRO CONTINGENTI FLORISTICI

I magredi costituiscono il punto di sovrapposizione di almeno quattro principali contingenti di specie, ciascuno gravitante su una diversa area geografica d’influenza.

- Un contingente di specie  centroeuropee ed orientali (illirico-pontico), che trae origine dalle regioni steppiche della penisola balcanica, dell’Anatolia e dell’Europa centrosettentrionale.

- Un contingente di specie submediterranee, che gravita su di un areale centrato nel bacino mediterraneo ed adriatico.

- Un contigente di specie alpine, che nei magredi alimenta un flusso continuo di specie che normalmente vegetano a quote più elevate. Tale originale ed interessantissimo fenomeno è chiamato dealpinismo ed avviene per fluitazione, cioè per continuo trasporto e rigenerazione da monte verso valle ad opera dei fiumi.

- Un contingente di specie endemiche, cioè di entità botaniche tipiche ed esclusive dei magredi e dei territori contermini.

 

“MAGRI” EPPURE RICCHI DI BIODIVERSITÀ

L’habitat più rappresentativo dei magredi è quello delle praterie sub-steppiche ed aride (questo habitat di interesse comunitario è definito dalla Direttiva di riferimento “formazioni erbose secche della regione submediterranea orientale” – cod. 62A0”).
Un’altra delle ragioni che rendono i magredi così ricchi di biodiversità è legato proprio alla presenza di questo tipo di habitat. I prati magri ed i pascoli aridi infatti, risultano sempre caratterizzati da un panorama floristico particolarmente variegato. Su queste praterie dall’aspetto solo apparentemente dimesso e per buona parte dell’anno brullo, agiscono condizioni ambientali particolarmente avverse (aridità, infertilità del suolo, escursione termica). Questi fattori di pressione naturale hanno sostenuto l’adattamento e la successiva selezione di specie del tutto peculiari ed originali per il territorio locale.

 

FIORI NEI COLLI, NEI PRATI MAGRI E NELLE RISORGIVE

La ZPS oltre ai magredi, comprende almeno altri due ambiti naturali di rilievo: la fascia collinare pedemontana di Sequals e le aree umide del Vinchiaruzzo. Complessivamente questi due biotopi, con la loro alternanza di boschi pedemontani, boschetti, prati umidi e da sfalcio, torbiere, fontanai aree ripariali, fossi, stagni, siepi ed aree coltivate in maniera per lo più estensiva, costituiscono un mosaico naturale e seminaturale fortemente differenziato che porta in dote con sé un altrettanto variegata presenza di comunità vegetali ed animali.

space

.