.

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

RITORNA ALLA HOMEPAGE GENERALE DEL SITO
HOMEPAGE DELLA Z.P.S. MAGREDI DI PORDENONE
I LUOGHI INTERESSATI DAL PROGETTO
IL PIANO DI GESTIONE
GLI HABITAT DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FLORA DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FAUNA DEI MAGREDI DI PORDENONE
IL PROCESSO PARTECIPATIVO
english version

.

ritorna alla pagina precedente

.

Senecio fontanicola
Senecione erba-doria

CODICE PIGNATTI

9411019000

CLASSE

Magnoliopsida

ORDINE

Asterales

FAMIGLIA

Compositae

SPECIE

Senecio fontanicola Grulich & Hodálová

LEGISLAZIONE A TUTELA DELLA SPECIE

 

Lista rossa nazionale
Lista rossa regionale

DESCRIZIONE

 

La specie è stata descritta nel 1994, separando da Senecio doria le popolazioni delle Alpi orientali, caratterizzate, in particolare, da foglie più strette, dal minor numero di capolini e dalla fioritura anticipata al mese di maggio. Si tratta di una composita alta fino ad 1 metro, con foglie in rosetta basale di colore verde scuro, semipersistenti, oblungo-spatolate che diventano lineari lungo il fusto. La specie è endemica delle Alpi orientali ed è sicuramente presente in Carinzia e Friuli, anche se appare probabile la sua presenza almeno in Veneto. In Friuli la specie vegeta esclusivamente nelle torbiere alcaline della pianura e dell’anfiteatro morenico del Tagliamento, ad una quota variabile da 10 a 300 metri s. l. m.. Strettamente legata all’abbondanza di acque calcaree ed oligotrofe, la specie occupa, spesso crescendo sui cespi sopraelevati di Schoenus e Molinia, le aree più umide delle torbiere, allagate generalmente per parecchi mesi all’anno dall’acqua affiorante.

BIOLOGIA

 

Forma biologica

Emicriptofita rosulata

Corologia

Endemico transnazionale regionale

Epoca di fioritura

Giugno - settembre

Riproduzione

Sessuata

Impollinazione

Zoogamia

Dispersione

Anemocoria

 
 

ECOLOGIA

 

Umidità edafica

Alta umidità

Reazione del suolo

pH 4.5 - 7.5

Nutrienti

Suoli mesotrofici

Humus

Suoli umiferi

Granulometria

0.05 - 0.002 mm

Luminosità

Specie subeliofila

Temperatura

Specie macroterma

Continentalità

Clima medio-continentale

 
 

RARITÀ

CATEGORIE DI RISCHIO (IUCN)

 

Nazionale
Regionale
Provincia di Pordenone
Provincia di Udine

Nazionale: vulnerabile
Regionale: vulnerabile
Provinciale: ud e pn (vulnerabile)

RELAZIONI CON GLI HABITAT

 

• UP4

TORBIERE BASSE ALCALINE CON ALTO APPORTO IDRICO DELLA PIANURA DOMINATE DA SCHOENUS NIGRICANS (7230)
Erucastro-Schoenetum nigricantis Poldini 1973 em. Sburlino et Ghirelli 1994

• UC11

VEGETAZIONI SU SUOLI A FORTE IMBIBIZIONE D'ACQUA DOLCE E DELLE OLLE DI RISORGIVA DOMINATE DA CLADIUM MARISCUS (7210)
Mariscetum serrati Zobrist 1953

MINACCE PER LA SPECIE

 

• 250

PRELIEVO/RACCOLTA DI FLORA IN GENERALE

 
 

Specie rara ma non soggetta a raccolte indiscriminate.

basso rischio

• 803

DISCARICHE, BONIFICHE E PROSCIUGAMENTI IN GENERE: RIEMPIMENTO DI FOSSI, CANALI, STAGNI, SPECCHI D'ACQUA, PALUDI O TORBIERE

 
 

Specie molto sensibile e legata ad una buona disponibilità idrica.

medio rischio

• 850

MODIFICHE DEL FUNZIONAMENTO IDROGRAFICO IN GENERALE

 
 

Specie molto sensibile e legata ad una buona disponibilità idrica.

alto rischio

• 950

EVOLUZIONE DELLE BIOCENOSI

 
 

Specie che risente della competizione di alberi ed arbusti igrofili.

medio rischio

• 952

EVOLUZIONE DELLE BIOCENOSI: EUTROFIZZAZIONE

 
 

Questo fenomeno porta alla compromissione delle popolazioni di questa specie.

medio rischio

• 971

RELAZIONI INTERSPECIFICHE DELLA FLORA: COMPETIZIONE

 
 

L'abbandono dello sfalcio favorisce l'infeltrimento della cotica e l'ingresso di specie legnose più competitive.

medio rischio

MISURE DI CONSERVAZIONE

 

INTERVENTI ATTIVI

• IA2

Stipula di convenzioni con associazioni naturalistiche e culturali per la gestione e valorizzazione delle aree naturali

• IA5

Creazione di riserve biogenetiche e di un vivaio per la moltiplicazione e propagazione delle specie rare

• IA9

Acquisizione di terreni agricoli in aree umide per il recupero di rogge, torbiere e aree ripariali esondabili

• IA10

Interventi di ripristino di prati umidi e torbiere

INCENTIVAZIONI E INDENNITÀ

• IN11

Indennizzi relativi ai vincoli sull'impiego di fertilizzanti nei comuni al di fuori delle aree vulnerabili ai sensi della norma collegata alla direttiva nitrati

PROGRAMMI DI MONITORAGGIO E/O RICERCA

• MR11

Completamento della carta degli habitat

• MR15

Monitoraggio ed elaborazione di un disciplinare per un corretto uso delle acque

PROGRAMMI DIDATTICI

• PD1

Sensibilizzazione operatori economici locali: agricoltori e allevatori

REGOLAMENTAZIONI

• RE1

Conservazione prati stabili

• RE2

Divieto di dissodamento degli habitat di interesse comunitario e di habitat di specie

• RE5

Regolamentazione dell'impiego di fertilizzanti e divieto di spargimento di liquami o altre sostanze organiche

• RE8

Divieto di tombinatura dei fossi e delle roggie

• RE9

Manuntenzione e gestione degli ambienti ripariali

• RE29

Divieto di raccolta delle specie di interesse

BIBLIOGRAFIA

Zenari S. 1927
La zona delle risorgive nel Friuli occidentale ed i suoi caratteri floristici.
Atti Accad. Sci. Veneto-Trentino-Adriatica, 18: 54-60, Padova.

Poldini L. 1973
Die Pflanzendecke der Kalkflachmoore in Friaul (Nordostitalien).
Berichte Geobot. Inst. ETH, Stiftung Rubel, 51: 166-178, Zürich.

Melzer H. 1975
Neues zur Flora von Kärnten und der Nachbarländer Salzburg, Friaul und Slowenien.
Carinthia II, 165/85: 255-266, Klagenfurt.

Marchiori S., Sburlino G. 1982
I prati umidi dell'anfiteatro morenico del Tagliamento (Friuli - Italia nord-orientale).
Doc. Phytosoc., 7: 199-222, Camerino.

Poldini L. 1991
Atlante corologico delle piante vascolari nel Friuli-Venezia Giulia. Inventario floristico regionale.
Regione Auton. Friuli-Venezia Giulia. Direz. Region. Foreste e Parchi, Univ. Studi Trieste, Dipart. Biol., 900 pp., Udine.

Conti F., Manzi A., Pedrotti F. 1992
Libro rosso delle piante d'Italia.
WWF Italia - Società Botanica Italiana, TIPAR Poligrafica Editrice, 637 pp., Roma.

Grulich V., Hodálová I. 1994
The Senecio doria group (Asteraceae - Senecioneae) in Central and Southearnest Europe.
Phyton (Horn), 34 (2): 247-265.

Conti F., Manzi A., Pedrotti F. 1997
Liste rosse regionali delle piante d'Italia.
WWF Italia - Società Botanica Italiana, Università di Camerino, 139 pp., Camerino.

Poldini L., Oriolo G. 2002
Alcune entità nuove e neglette per la flora italiana.
Inf. Bot. Ital., 34(1): 105-114., Firenze.

Da Canal M.T., Marcucci R., Tornadore N. 2003
Biocoenotic and karyological characterization of four upspring critical taxa of the eastern Po Plain (North-eastern Italy).
Plant Biosystems, 137 (1): 21-28, Roma.

space

.

ritorna alla pagina precedente

.