.

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

RITORNA ALLA HOMEPAGE GENERALE DEL SITO
HOMEPAGE DELLA Z.P.S. MAGREDI DI PORDENONE
I LUOGHI INTERESSATI DAL PROGETTO
IL PIANO DI GESTIONE
GLI HABITAT DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FLORA DEI MAGREDI DI PORDENONE
LA FAUNA DEI MAGREDI DI PORDENONE
IL PROCESSO PARTECIPATIVO
english version

.

ritorna alla pagina precedente

.

Osmoderma eremita
Eremita odoroso


Edmund Reitter (1908)

PHYLUM

Arthropoda

CLASSE

Hexapoda

ORDINE

Coleoptera

FAMIGLIA

Cetoniidae

SPECIE

Osmoderma eremita (Scopoli, 1763)

LEGISLAZIONE A TUTELA DELLA SPECIE

 

Direttiva Habitat all.II prioritario
Direttiva Habitat all.IV
Convenzione di Berna all.II
Legge regionale 9/2007

CARATTERISTICHE ECOLOGICHE

 

Specie che abita foreste di quercia o castagno, ma anche boschi ripariali, in cavi d'albero ricchi di depositi di humus (Aesculus hippocastanum, Tilia sp., Quercus sp., Salix sp., Fagus sylvatica e Fraxinus sp.). Le larve si sviluppano nelle cavità di alberi centenari, nutrendosi su accumuli di humus tipici delle cavità arboree. La stadio larvale dura 2-3 anni; l'impupamento avviene alla fine dell'estate e la metamorfosi ha luogo solamente alla primavera successiva. Gli adulti emergono all'inizio dell'estate e frequentano diverse infiorescenze, anche se prediligono i fiori del biancospino (Crataegus sp.).

Trend Magredi

Sconosciuto

 

Distribuzione Magredi

Sconosciuta

VULNERABILITÀ

 

Status IUCN

vulnerabile

Criticità zona

Presente equamente in zona e nel territorio nazionale

Fragilità ecologica

Alta

RELAZIONI CON GLI HABITAT

 

ADULTO

• BU10

BOSCHI DOMINATI DA ALNUS GLUTINOSA (91E0)
Alnion glutinosae Malcuit 1929

• BU2

ARBUSTETI RIPARI PREALPINI DOMINATI DA SALIX ELEAGNOS (3240)
Salicetum incano-purpureae Sillinger 1933

• BU5

BOSCHI RIPARI PLANIZIALI DOMINATI DA SALIX ALBA E/O POPULUS NIGRA (92A0)
Salicetum albae Issl. 1926

MINACCE PER LA SPECIE

 

• 166

GESTIONE FORESTALE: RIMOZIONE PIANTE MORTE O MORIENTI

 
 

Le cause di minaccia di Osmoderma eremita vanno ricercate nella distruzione degli ecosistemi forestali più antichi, la larva infatti si sviluppano esclusivamente negli alberi cavi, la cui formazione richiede decine di anni o anche un secolo. In Italia si è assistito ad un tracollo della specie tra il 1944 e il 1950, quando i grandi boschi cittadini ereditati dal 1800 vennero presi d'assalto per farne legna da ardere, in concomitanza con il secondo conflitto mondiale.

alto rischio

• 180

INCENDI

 
 

La scarsa capacità di dispersione e l'immobilità larvale rendono questa specie particolarmente vulnerabile agli effetti dell'impoverimento dell'habitat forestale conseguente agli incendi.

medio rischio

MISURE DI CONSERVAZIONE

 

INCENTIVAZIONI E INDENNITÀ

• IN1

Incentivazione per la riduzione dell'uso dei prodotti fitosanitaria a favore dell'agricoltura biologica e integrata

• IN6

Incentivi per il ripristino e la manutenzione delle siepi e delle fasce boscate

• IN7

Indennizzo e premio per la conservazione degli alberi notevoli e delle vecchie siepi

• IN9

Incentivi per il ripristino e la manutenzione degli ambienti ripariali

• IN10

Indennizzi connessi ai vincoli relativi alle utilizzazioni forestali

PROGRAMMI DI MONITORAGGIO E/O RICERCA

• MR9

Monitoraggio delle specie di mammiferi, anfibi, rettili e invertebrati con particolare riferimento alle specie elencate nelle schede dei sic presenti all'interno della zps

• MR13

Sviluppo di un sistema di indicatori biologici e relativi monitoraggi

• MR21

Monitoraggio delle infrastrutture ecologiche (siepi, fasce boscate) e degli alberi notevoli

PROGRAMMI DIDATTICI

• PD1

Sensibilizzazione operatori economici locali: agricoltori e allevatori

• PD6

Programma di informazione e sensibilizzazione della popolazione

• PD8

Formazione specifica per i monitoraggi degli habitat e delle specie di flora e fauna rivolta a personale della regione e della provincia

REGOLAMENTAZIONI

• RE2

Divieto di dissodamento degli habitat di interesse comunitario e di habitat di specie

• RE4

Riduzione dell'impatto dei prodotti fitosanitari e protocolli relativi alla pratica dell'agricoltura integrata

• RE6

Conservazione delle siepi e delle fasce boscate

• RE7

Conservazione degli alberi notevoli e delle vecchie siepi

• RE10

Divieto di nuovi interventi di riordino fondiario e bonifica all'interno del perimetro della zps

• RE13

Regolamentazione delle utilizzazioni forestali

BIBLIOGRAFIA

Ministère de l’écologie et du développement durable
Le rèseau Natura 2000. Recherche de sites par espèce, Invertébrés: Barbot (Osmoderma eremita).
http://www.ecologie.gouv.fr/IMG/natura2000/habitats/pdf/tome7/1084.pdf.

Sito web del Ministero dell'Ambiente e del Territorio
Direzione Conservazione Natura.
http://www.minambiente.it/index.php?id_sezione=2374.

Lazzarini A., 1895
Catalogo di Coleotteri friulani [IV parte].
In Alto, Udine, 6 (1): 6-7.

Porta A., 1932
Fauna Coleopterorum Italica.
Vol. V, Rhynchophora-Lamellicornia, Stab. Tipogr. Piacentino, Piacenza. 47 pp.

Pavan M., 1992
Contributo per un "Libro rosso" della fauna e della flora minacciate in Italia.
Istituto di Entomologia dell'Università di Pavia: 719 pp.

Luce J. M., 1995
Les Cétoines microcavernicoles le la foret de Fontainebleau (Insecta, Coleoptera): niches écologiques, relations interspecifiques et condition de conservation des population.
Thèse du Museum Natrional d'Histoir Naturelle, Paris.

World Conservation Monitoring Centre, 1996
Osmoderma eremita.
In: IUCN 2007. 2007 IUCN Red List of Threatened Species. http://www.iucnredlist.org/search/details.php/15632/summ.

Sforzi A., Bartolozzi L., 2001
Libro Rosso degli insetti della Toscana.
ARSIA, Regione Toscana: 375 pp.

Cerfolli F., Petrassi F., Petretti F., 2002
Libro rosso degli animali d'Italia. Invertebrati.
WWF Italia - Onlus, Roma: 83 pp.

Audisio P., Ballerio A., Carpaneto G.M., Antonini G., Mancini E., Coletti G., Piattella E., De Biase A., 2003
Osmoderma eremita s.l., in Europa meridionale: stato delle conoscenze e problemi di conservazione (Coleoptera, Cetoniidae).
Proc. Intern. Symp. Dead wood: a key to biodiversity, Mantova (Italy), 29th-31st May 2003: 57-60.

Ballerio A., 2003
EntomoLex: la conservazione degli insetti e la legge.
Memorie Soc. Entomol. Ital., 82 (1): 17-86.

Cavalli R., Mason F., 2003
Tecniche di ripristino del legno morto per la conservazione delle faune saproxiliche. Il progetto LIFE Natura NAT/IT/99/6245 di "Bosco Fontana" (Mantova, Italia).
Corpo forestale dello Stato, Centro Nazionale per lo Studio e la Conservazione della Biodiversità Forestale Verona. Gianluigi Acari Editore, 105 pp.

Fracassi M. C., Cammina A., 2003
Programma di riqualificazione urbana e sviluppo sostenibile del territorio. I Sic del Prusst del Medio ed Alto Molise. Le specie - gli invertebrati.
Comune di Triveneto, Provincia di Campobasso, 31 pp.

Fabbri R., Spettoli R., Capovilla R., 2005
Relazione finale dell'indagine sugli insetti del Parco Regionale del Delta del Po - Staz.Campotto di Argenta (Ferrara) - Progetto LIFE Natura NAT/IT/99/8526: Ripristino di equilibri ecologici per la conserv. di habitat e specie di interesse comunitario.
Lestes c/o Museo Civico di Storia Naturale di Ferrara.

Zandigiacomo P., Bernardelli I., Cogoi P., Mossenta M., 2005
Contributo per un Libro rosso dell'artropodofauna del Friuli Venezia Giulia.
Regione autonoma Friuli Venezia Giulia (L.R. 3/1998) e Dipartimento di Biologia applicata alla Difesa delle Piante, Università di Udine. htpp://web.uniud.it/entomoinfo/Librorosso/Librorosso.html.

space

.

ritorna alla pagina precedente

.